Esperienza utente e SEO: due amici inseparabili

Iniziamo quest’articolo con una domanda: è possibile fare un sito user friendly che sia esteticamente bello ma senza concetti interessanti? Certo…ma non andrà lontano. Lo stesso succederà rendendolo appetibile e “bello” per i motori di ricerca ma non facilmente fruibile agli utenti: sarà destinato a vita breve. Morale della storia: il sito deve avere il giusto equilibrio.

Una tecnica che ancora purtroppo capita spesso di vedere nei footer di diversi siti web è il cosiddetto Keystuffing; un’inondazione di parole chiave per farsi notare – ormai negativamente – dai bot dei motori di ricerca.
Come ormai avrai capito far SEO è un test per misurare la tua pazienza.
Se non sei paziente allora meglio optare per un approccio diverso, utilizzando la SEM, che offre risultati nel breve termine  – se non ricordi cos’è, ne avevamo parlato anche qui 😉
Procediamo ora chiarendo alcuni concetti che troverai spesso in giro per il web: User Interface (UI) e User Experience (UX).

Iniziamo dall’UX e diciamo subito che è legata ad “aspetti tecnici”: “come fare concretamente qualcosa?” – ad esempio che tecnologia utilizzare per lo sviluppo di un sito web oppure dove inserire i contenuti affinchè vengano correttamente visualizzati nei dispositivi mobili – ; tutta una serie di accortezze che rendono piacevole e agevole l’uso del sito all’utente. La UI invece è quella parte di UX che riguarda l’interfaccia utente.

E’ importante la UX ai fini SEO?

Una domanda banale, se sei stato attento; abbiamo già introdotto l’articolo dicendo che ovviamente è importante ma perchè? I trend della SEO cambiano velocemente e quest’evoluzione è legata ai nuovi algoritmi messi in campo per ottimizzare i motori di ricerca. Durante la carrellata di info su come funzionano i motori di ricerca abbiamo visto che ci sono delle penalizzazioni e delle best practice o linee guida da seguire. Big G tiene molto all’esperienza utente e puoi analizzare il tuo sito sotto questo punto di vista sfruttando questo semplice tool:

google insight tool seo

In genere le parti da migliorare vertono su:

  • attivazione della compressione gzip
  • utilizzo di immagini ottimizzate 
  • tempi di risposta dal server
  • ecc

Lanciando da qui una scansione del sito inserendone l’url otterremo i risultati per mobile e desktop. Non pensare che debbano necessariamente esser simili i risultati che otterrai: dipende molto dalla versione del layout in formato responsive ecc.

seo per principianti tool insight

Un altro ottimo strumento, analogo a quello appena visto è GTmetrix; te lo consiglio in particolare per verificare “i tempi” del tuo sito.

seo per principianti: gtmetrix tool speed

Il prossimo post sarà l’ultimo e parleremo principalmente di link building. Saranno disponibili inoltre in download degli approfondimenti sui tool di ottimizzazione e ricerca di parole chiave visti durante questo brevissimo “mini-corso” e qualche trick. A presto!